henné

Henné: tutto quello che devi sapere per una tinta naturale

Utilizzato come colorante naturale o semplice nutrimento per i nostri capelli, i benefici dell’henné sono apprezzati in tutto il mondo. Cos’è questa particolare sostanza, da dove arriva e come possiamo utilizzarla? Vediamo di rispondere a queste domande, spiegandone i benefici e facendo distinzione tra le diverse tipologie in commercio.

Henné: cos’è e da dove arriva

Si tratta di una polvere verde, dall’odore piuttosto intenso, simile all’argilla. L’henné si ottiene essiccando e macinando foglie e rami della Lawsonia Inermis, una pianta che troviamo in svariati paesi del Medio Oriente. È proprio qui che l’henné viene utilizzato fin dall’antichità, tant’è che sembra che gli stessi egizi ne facessero già uso, apprezzandone le proprietà coloranti e mediche.

Oggi, sempre in Medio Oriente, l’henné viene usato non solo per la cura dei capelli ma anche per quella della pelle, più la tintura di vestiti e creazione di tipici tatuaggi.

Le sue proprietà sono diventate note anche in Occidente, dove è diventato un prodotto naturale per la colorazione o il nutrimento dei capelli. È possibile reperire l’henné in erboristeria, online o semplicemente in un supermercato.

Per chi è consigliato

Se utilizzata come erba tintoria, l’henné è indicato per chiunque sia interessato a una tinta naturale e vegetale, che non contenga quindi ingredienti chimici o aggressivi per il capello.

L’henné può applicarsi a qualsiasi età e anche in gravidanza. Anche il sito mamma.it lo conferma, aggiungendo però l’importanza di provarla prima sulla pelle e solo in seguito sui capelli, così da escludere totalmente eventuali effetti collaterali come dermatite.

È in grado di coprire capelli bianchi e a seconda del colore di partenza, ravvivarlo, donargli lucenti sfumature o tingerlo in maniera naturale.

Bisogna precisare che non contenendo elementi decoloranti, è difficile stravolgere il proprio colore naturale se si parte da una base scura. Se per esempio doveste applicare l’henné puro su capelli neri, potrete ottenere delle sfumature ma non dei capelli totalmente ramati. Diverso è il caso di chi parte da un biondo, che in quel caso avrà risultati più evidenti.

Ad ogni modo, potete trovare suggerimenti su come schiarire l’henné, o almeno provare, nel seguente articolo del blog yumibio.com.

Accanto alle proprietà coloranti, vi sono quelle nutrienti. Quest’erba è in grado di risanare le lunghezze, donando loro un aspetto sano e luminoso. Tant’è che se qualcuno di voi fosse interessato al solo trattamento di bellezza e non alla colorazione, può acquistarne una particolare tipologia, rivelata qui di seguito.

Tipologie in commercio

L’henné puro, ossia la Lawsonia Inermis, se applicato sulla chioma, è in grado di darle sfumature e toni rossastri o ramati, a seconda del colore di partenza. Più quest’ultimo sarà chiaro, più intenso risulterà il colore finale.

Per chi invece fosse interessato ad altre colorazioni, in commercio si trovano altre varianti, ottenute miscelando la Lawsonia con altre piante. Le principali sono due: indigo e biondo. Nel primo caso, si potranno ottenere colori quali nero o mogano; in svariati casi il risultato ha dato vita a eleganti sfumature blu o violacee. L’henné biondo è particolarmente indicato per chi vuole esaltare riflessi chiari e dorati o coprire capelli bianchi.

L’henné neutro è l’alternativa perfetta per chi non desidera avere alcun effetto colorante ma semplicemente godere delle proprietà benefiche della polvere, che trattiamo qui di seguito.

Benefici dell’henné

Una volta applicato, l’henné crea un effetto pellicola attorno al singolo capello, proteggendolo e rendendolo più spesso. In questo modo, è possibile tutelare i capelli da minacce esterne quali eventi atmosferici, un esempio è l’effetto crespo provocato dall’umidità, che grazie all’henné svanisce.

Sui capelli sottili, l’effetto pellicola è ancora più evidente. Al tatto, i capelli risultano immediatamente più spessi e forti, oltre a morbidi e voluminosi. Altri effetti positivi per le lunghezze sono: riduzione delle doppie punte, in seguito a un uso prolungato, luminosità, nutrimento, minore tendenza a spezzarsi.

La Lawsonia è un toccasana anche per il cuoio capelluto, essendo un naturale sebo regolatore. Risulta quindi perfetto per chiunque abbia capelli grassi o tendenti allo sporcarsi facilmente. Regolando poi il PH del cuoio capelluto, l’henné rappresenta un valido alleato per la riduzione della forfora grassa. L’henné è infatti astringente e dermopurificante, contribuendo così al bilanciamento delle secrezioni di sebo e oli da noi prodotti.

Henné: istruzioni per l’applicazione

L’henné vi verrà venduto in polvere, è necessario mescolare quest’ultima con acqua tiepida. Durante il procedimento evitare qualsiasi contatto con metalli, utilizzando utensili di legno o plastica. I metalli possono infatti alterare l’henné e danneggiare il risultato finale. Acqua e polvere dovranno amalgamarsi bene, dando come risultato un composto con consistenza densa. Quest’ultimo andrà steso su radici e lunghezze, utilizzando le mani o una spatolina apposita, di quelle che si utilizzano per le normali tinte.

Sarà poi necessario avvolgere la testa con una pellicola trasparente e una cuffietta che mantenga i capelli fermi.

I tempi di posa dell’henné variano a seconda del risultato che si desidera ottenere, se delle semplici sfumature o una tinta vera e propria. I tempi vanno da 1 a 3 ore. Nel caso dell’henné neutro, da 30 minuti a 2 ore.

Al momento dell’applicazione, i capelli devono essere puliti, in quanto l’henné andrà a formare una pellicola attorno al singolo capello, che non dovrà quindi essere sporco. Di conseguenza, è preferibile applicare l’henné dopo aver lavato i capelli, siano essi asciutti o ancora bagnati.

Una volta trascorso il tempo, risciacquare pazientemente con acqua tiepida, utilizzando un po’ di shampoo e balsamo. Lo shampoo può essere utile per attenuare il forte odore che l’henné ha, mentre il balsamo servirà a districare le lunghezze.

Il colore che si ottiene non sarà quello definitivo. Nei giorni seguenti all’applicazione, il colore andrà a scaricare, fino a stabilizzarsi.

Nel caso di henné neutro, inutile parlare di colore in quanto quest’ultimo non avrà effetti in quel senso. I capelli risulteranno più corposi e voluminosi nell’immediato.


Foto Copertina: @thiago-s-fotografias

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: